I MEDICI DI FAMIGLIA E I PEDIATRI ENTRANO NELLA CASA DELLA SALUTE DI PIEVE A NIEVOLE

Scritto da Daniela Ponticelli, venerdì 6 ottobre 2017 
 
Pistoia – I Medici e i Pediatri di famiglia “entrano” nella Casa della Salute di Pieve a Nievole. A partire da lunedì prossimo (9 ottobre) i loro ambulatori dalla adiacente sede della Misericordia si trasferiranno nella nuova struttura. 
 
La contemporanea presenza nella medesima sede di tutti i medici di medicina generale e dei pediatri, pone la Casa della Salute come punto di riferimento principale, in particolare per coloro che risiedono nel comune di Pieve a Nievole. 
 
Dopo l'avvenuto trasferimento della farmacia territoriale e del servizio vaccinazioni a breve all’interno della Casa della Salute saranno attivati anche i servizi infermieristico, di assistenza sociale, di assistenza integrativa e il Cup, ha annunciato, il direttore dell’area aziendale assistenza sanitaria territoriale e continuità Marco Bonini. 
 
“ Con l’integrazione dei medici di medicina generale e dei pediatri è stato raggiunto un importante obiettivo e la sanità territoriale sta diventando una realtà sempre più diffusa in tutta l’area della Valdinievole , -ha dichiarato il Presidente della SDS Valdinievole, Pier Luigi Galligani. 
 
La Casa della Salute di Pieve a Nievole, inaugurata lo scorso giugno è stata realizzata all’interno di un edificio di proprietà della locale Misericordia, ed attiguo alla stessa Associazione, in coerenza con il modello scelto in Valdinievole di forte integrazione con le Associazioni di Volontariato. 
 
Nell’edificio sono presenti tredici ambulatori, sale d’attesa e lo stabile è circondato da ampi parcheggi. 
 
Da un punto di vista organizzativo e funzionale nella Casa della Salute Pieve a Nievole si realizza pienamente la gestione integrata dei nuovi bisogni della popolazione attraverso la gestione integrata tra sociale e sanitario da un lato e tra i servizi territoriali e i servizi ospedalieri dall’altro, al fine di garantire un’effettiva continuità assistenziale ( in funzione anche dell’organizzazione ospedaliera basata sulla “intensità di cura”). 
 
 
 


Ultimo aggiornamento: 09/10/17